Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

CSI Time 9 Dicembre 2015

Alla luce delsole

È stato indubbiamente un Assisi molto bello quello che si è chiuso domenica scorsa. Ben 454 partecipanti provenienti da tutta Italia. Bellissima venerdì sera l’apertura di Don Alessio che ha aiutato tutta l’Associazione a comprendere come si può stare "al tavolo" per dialogare, confrontarsi, crescere insieme senza mai rinunciare ad un centimetro della nostra voglia di fraternità e di verità. Venerdì sera lo spettacolo di Salvatore Regoli sulla "Allegria" ci ha aiutati a comprendere che un Csi senza gioia ed allegria è un Csi che ha perso in partenza. La giornata di sabato è stata dedicata interamente ai tavoli di lavoro su tematiche "attuali e impegnative".Neipuntisuccessivilasintesidellavorodeitavoli.Tantissimapartecipazione.

Confronto aperto, libero, sereno, alla luce del sole, appunto. É questo che vogliamo. Un’Associazione libera, capace di vivere il confronto (anche acceso) nella serenità. Un’Associazione matura, capace di lasciare in cantina le logiche del corridoio, del ‘detto o non detto, del parlare "male" delle persone e via dicendo. Un’Associazione che si confronta alla luce del sole e che lo fa partendo dalla convinzione che abbiamo tutti nel Dna la stessa passione educativa. Il clima durante la giornata è stato davvero bello. Indimenticabile come sempre il pellegrinaggio di sabato pomeriggio dalla Porziuncola alla Basilica superiore di San Francesco ad Assisi, dove abbiamo celebrato la Santa Messa. Serata libera per dare modo alla gente di gustare l’incontro con amici che arrivano da altre parti di Italia e che si incontrano poche volte l’anno. Bello vedere che la serata è trascorsa con tavolate ricche di amicizia, di voglia di stare insieme, di divertirsi, di fare festa. Solo pochi, pochissimi "irriducibili" hanno optato per "riunioni carbonare" o tavoli "elettorali". La stragrande maggioranza della gente ha scelto un’altra strada. Quella di vivere Assisi, come andava vissuto, nella gioia, nella fraternità, nella condivisone e alla luce del sole. Domenica mattina in assemblea la restituzione del lavoro dei tavoli (attraverso la dinamica formula dei tweet) e la mia relazione. É stato il mio ultimo intervento da presidente nazionale Csi ad Assisi. Come ho detto la relazione di fine quadriennio ci sarà a giugno. Ad Assisi ho preferito “prendere un caffè” con l’Associazione condividendo pensieri, riflessioni, dubbi, fatiche che in questi 8 anni mi hanno accompagnato. Ringrazio di vero cuore tutti per l’accoglienza e l’affetto che mi è stato riservato al termine della relazione. Ero emozionato prima di salire sul palco. Ero emozionato due volte alla fine di Assisi. Tornando a casa in macchina verso Milano ho rivissuto le ore di Assisi con grande emozione e ho avuto la sensazione che, forse, abbiamo vissuto insieme il miglior Assisi di questo quadriennio. E che questo avvenga a tornata elettorale 2016, già ufficialmente aperta è propriounbelsegnocheparladiun’Associazioneliberaematura.


 

Ecco la sintesi dei tavoli di lavoro adAssisi

Ecco tutti i tweet con gli hashtag che sintetizzano il risultato dei tavoli di lavoro di Assisi. Un grazie infinito ai coordinatori (bella la scelta di non affidare il coordinamento dei tavoli ad alcun membro della presidenza!) ed a chi hapartecipato.

Le Società Sportive: come sostenerle e aiutarlecooncretamente

Coordinatore: AlessandroRaimondi

Il meglio di ognuno a disposizione di tutti, per mettere le società sportive al centro del CSI #Assisi2015 Lanostraidentità:ilvaloreaggiuntoperformare,educareecrescereinsieme#Assisi2015

CSIlacooperativadellosport,dalnazionalealterritoriale#Assisi2015

Ilcomitato:viaggiotraiproblemiel’organizzazioneterritoriale

Coordinatore: SergioContrini

  • #giovaninelcsi… Coinvolgere i giovani al servizio delle società sportive ma anche per il servizio nei comitati

•La formazione per tutti i dirigenti eletti, sostenuta da aggiornamenti periodici per alcune figure quali presidente e amministrazione dellagiustizia

•#relazionisulterritorio:traEPS,conilCONI,conlealtreorganizzazioni…

CSI e chiesa: rafforzare la presenza nelleparrocchie

Coordinatore: StefanoGurioli

  • AdognilivelloassociativorecuperareilsensodiappartenenzaaGesùeallaChiesa,primachealCSI
    • Mi muovo, vengo a cercarti perché ho qualcosa di buono dacondividere
    • Un cammino comune per trasformare l’esperienza sportiva incatechesi

L’attività sportiva di oggi e didomani

Coordinatore: BeppeBasso

•Un’attivitàsportivacon4gambe:tecnico-agonistico,ludico-partecipativo,sociale,salutistico

•Discipline emergenti e individuali: dare valore, qualificazione, formazione, creazione di una rete anche attraverso ilDOAS

•Regolamenti:obbligatorietàdiunaqualificaminimadegliallenatorisettoregiovanile0-18.

•Regole in funzione degli obiettiviterritoriali

Servire i piccoli per essere grandi: l’attività sportivagiovanile

Coordinatore: BeppeCairoli

• • #(3-6)+#(6-10)+ #(10-14)+ #(14-18) (diverso)#(3-18)

  • #minimocomundenominatorenell’attivitàinfantileepreadolescenziale
  • Per favorire il confronto nel mare magnum attività giovanile, il confronto deve percorrere la formalizzazione delleproposte

Laformazionepercrearevaloreaggiunto:priorità,compitiefunzioni

Coordinatore: Team FormazioneNazionale

  • Rilanciare e sostenere la figura del coordinatore territoriale della formazione e la rete dei formatori assicurando aggiornamento, strumenti e risorseadeguate.
  • Per un modello di una formazione nazionale che va nei comitati in quanto efficace testimonianza del farsiprossimo,associativo.#Laformazioneèbellaed#èunesperienzacherendebellalassociazione.
  • Prevedere la creazione di un organismo che possa lavorare in termini di ricerca ed innovazione formativa

Marketing sportivo e promozioneassociativa

Coordinatore: ElenaBarbieri

  • Lavoriamo sulla credibilità del brand attraverso: conoscenza, condivisione di intenti, studio della concorrenza,rendicontazione.
  • Lo sapevi che? In alcuni comitati si è riscontrata la difficoltà di relazionare con le autorità ecclesiastichelocali?
  • Elaborare una strategia condivisa e sviluppare la promozione associativa che si può realizzare anche con una società di servizi esterna, perchéno?

Faresistemadentroefuoril’associazione:trarelazioniealleanze

Coordinatore: AgneseGagliano


 

 


#Allearsipercrescere. Se sport è bene comune, occorre condividere obiettivi, percorsi, battaglie, speranze

#Giocodisquadra. Attivare legami per cogliere opportunità, rispondere allo scenario, orientare il cambiamento

#Faresistema.Retiealleanzegeneranopartecipazione,protagonismo,crescita

Dalle politiche sportive alle politiche attraverso losport

Coordinatore: Andrea DeDavid

  • Politiche attraverso lo sport: occorre confrontarsi, informarsi e interagire. Proponiamo che questo tavolo diventi permanente per crescereinsieme
  • Pensiamo ad una governance per il Csi. Dobbiamo metterci al servizio di comitati e società sportive per aiutarli ai cambiamenti sociali incorso
  • Diamo valore al valore che abbiamo: impariamo ad accreditare il bene che facciamo, dando risalto alle cose che contano veramente, a partire dallo spirito diservizio

Gioco anch’io: uno sguardo al presente orientati alfuturo

Coordinatori: Anna Maria Manara e SilviaNoci

  • #CSI3.0 è il momento giusto per una società sportiva inclusiva. Formiamo ogni tecnico per servire tutti#davicinonessunoènormale#abileanchio
  • #CSI3.0 è il momento giusto per mettersi in rete, acquisire competenze, trasversali, ottimizzare il lavoro ditutti
    • #abileanchio#CSI3.0èilmomentogiustopergiocaretuttiincampocontrolostigma#sportiamoci

Convegno sulla Misericordia inUmbria

Domenica pomeriggio, prima di rientrare a Milano, ho partecipato al convegno sulla misericordia promosso dal Consiglio regionale del Csi Umbria a Città di Castello. Una bella occasione di condivisione e confronto su come vivere il Giubileo della Misericordia dentro l’Associazione. La misericordia e questo Giubileo non sono qualche cosa da appiccicare sopra la nostra vita associativa. Non si tratta di fare un’ iniziativa o un evento o un sussidio. Si tratta di rileggere e di vivere tutta la vita del Csi alla luce della misericordia. Se lo faremo si accorceranno tante distanze dentro l’Associazione. Se non lo faremo tradiremo la nostra appartenenza a quella Chiesa che Francesco vuole oggi così. Ottima la partecipazione, un centinaio di presenti di tutti i comitati umbri. Al convegno ha partecipato anche il vescovo di Città di Castello, mons. Domenico Cancian e si è chiuso con la Santa Messa celebrata dal consulente regionale, don LeonardoRomizzi.

Verifica progetti incorso

Lunedì mattina incontro per fare il punto su vari progetti quali Gazzetta Cup ed altre iniziative. Quasi sicuramente non rifaremo più Danone Nations Cup. Tutti gli altri progetti confermati. Dietro c’è un grande e paziente lavoro strategico eoperativo.

#StampelleAzzurre: la Campagna a favore della Nazionale AmputatiCalcio

Questo Natale sosteniamo tutti la campagna di solidarietà “Stampelle Azzurre” a favore della Nazionale Calcio Amputati. Per farlo basta un click semplice e gratuito al seguente link. Il progetto è promosso tramite una campagna di comunicazione integrata con declinazioni off-line e on-line. Oltre al voto, è possibile donare una quota a piacere per finanziare le attività della Nazionale capitanata da Francesco Messori.Dal3Dicembre2015al18Gennaio2016iltuosempliceclickfaràladifferenza.Alcircuito


 


associativoèoggistatainviataunacircolareperspiegareneldettagliolacampagnadifundraising2015

#StampelleAzzurre,assiemeallalocandinadell’iniziativachealleghiamoaCsitime.

A Reggio Emilia per i 70 anni delComitato

"Preparazione al Natale”, 70 anni di Sport a Reggio Emilia. Sabato 12 il Csi reggiano festeggia così, con un programma ricchissimo, il suo settantennio di vita. Parteciperò in mattinata alla tavola rotonda: “70 Anni di Sport a Reggio Emilia: il ruolo del Centro Sportivo Italiano“, dove presso la sede reggiana del Csi, oltre al presidente provinciale Davide Morstofolini, interverranno il sindaco Luca Vecchi, il Sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia Romagna, Andrea Rossi ,il presidente della Provincia Giammaria Manghi, ed il vescovo di Fidenza, già cappellano olimpico azzurro, mons. Carlo Mazza. Nell’occasione sarà aperta una mostra fotografica con la storia del Csi. Nel pomeriggio spazio alle premiazioni degli sport di squadra e individuali, dopo la radiografia dell’Attività Sportiva “lo Stato dell’Associazione” a cura del direttore tecnico provinciale Cesare Bellesia. Quindi la S. Messa e la serataassociativachiuderannolagiornatadifesta..

A Parma festa finale per i 70 anni delCsi

Dopo i diversi momenti di sport che si sono susseguiti nel corso della stagione, il Centro Sportivo Italiano di Parma conclude l'anno di celebrazioni in occasione del settantesimo anniversario di fondazione con un momento istituzionale. Sabato 12 dalle ore 10.30 nella suggestiva cornice della sala del Consiglio del Comune di Parma verranno consegnati premi alle società che da più tempo svolgono la propria attività affiliate al Csi e alcuni Discoboli d'Oro al merito sportivo del Csi. Presenti alla cerimonia numerose autorità civili ed ecclesiastiche tra le quali il vice presidente nazionale Csi Vittorio Bosio, il consulente ecclesiastico nazionale, don Alessio Albertini, il presidente del Csi Emilia Romagna, LambertoMenozziedonMatteoVisioli,vicarioepiscopaledellaDiocesidiParma.

Campagna di sensibilizzazione sulle SocietàSportive

Partirà a fine gennaio la prima grande campagna di sensibilizzazione sui problemi delle società sportive curata dal Csi. Lo abbiamo ufficializzato ad Assisi. É bene entrare in questa logica. Tutta l’Assoluzione dovrà fare sistema. Nel giro di due settimane questa campagna (da fine gennaio a metà febbraio) dovrà comparire sulla stampa locale di ogni comitato, sui siti di tutti i comitati e sui siti di più società sportive possibili.Useremomoltoisocial.UsciremoanchesuGazzettadelloSporteCorrieredelloSport.

Vogliamo dare voce ai problemi delle società sportive di base. Vogliamo dare il meglio di noi in questa direzione (con i pochi mezzi che abbiamo a disposizione) facendo sistema per dare voce alle società sportive.

Alla ricerca deigiovani

Le assemblee territoriali partono da gennaio. Bisogna muoversi subito. Mentre tutti vi chiederanno chi farà il presidente provinciale o regionale voi usate una terza via. Cercate giovani disposti a candidarsi al ruolo di consigliere provinciale. Con quella mossa garantirete futuro al Csi. Non voglio certo sminuire il ruolo del presidente provinciale o regionale, ci mancherebbe. Ma ad orientare il futuro del Csi nei prossimi anni non sarà solo chi si siederà (con spirito di servizio) su quelle poltrone. Saranno quelli che sisiederannoperterraafaregrandeilCsi.Etraquesticisonoanche(nonsolomaanche)igiovani.

Andateacercarlienonaspettatechevenganoavoi.Chebelloseavessimonellaprossimatornata


Csi Time 9 Marzo

Capaci di accogliere
Per tutto il 2015 ci immergeremo dentro il discorso che Papa Francesco ha regalato al Csi lo
scorso 7 giugno. Lo faremo attraverso 70 parole per 70 anni. Una serie di appuntamenti
"lungimiranti" attraverso i quali approfondire, sviscerare, rileggere i passaggi chiave delle
parole pronunciate dal Santo Padre. Abbiamo iniziato ragionando sul tema dell’accoglienza.
Vogliamo che la capacità di accogliere diventi un tratto distintivo della nostra associazione e
delle nostre società sportive. Vogliamo costruire un Csi capace di accogliere tutti, a partire da
quelli lontani, scomodi, da quelli che ci danno più fastidio o ci stanno meno simpatici. Non
un’accoglienza "bella ma selettiva". Al contrario un’accoglienza "semplice ma che si offre a
tutti, ma proprio a tutti". Per prima cosa dobbiamo imparare ad accoglierci tra di noi. Altrimenti
come associazione non saremo credibili. Dobbiamo imparare a fare in modo che la diversità
non generi distanza tra di noi, ma al contrario vicinanza, fraternità ed accoglienza.
Un’associazione divisa in correnti o dove "qualcuno è contro qualcun altro" è un’associazione
che ha già perso in partenza. Il valore dell’ accoglienza non dobbiamo "predicarlo agli altri".
Dobbiamo viverlo noi e prima di tutto tra di noi. Poi un’ associazione che accolga tutti. Ad ogni
livello ed in ogni situazione. A Milano esiste una società sportiva che ha iscritto una squadra
chiamandoli "gli improponibili". Di fatto sono diventati la loro prima squadra, nel senso che
proprio a loro riserva il massimo di attenzioni e di considerazione. Quella del Csi deve essere
un’ accoglienza "vera" che non si limita a dire "siamo aperti a tutti", ma che parte dal chiedersi
sempre - come dice spesso don Alessio "perché e per chi" facciamo ogni cosa che facciamo.
Mi piace pensare che ognuno di noi, ogni società sportiva, ogni comitato, ogni gruppo arbitri,
ogni consiglio provinciale, regionale o nazionale ... Ogni ambito dell’associazione si interroghi
profondamente sulla capacità di accogliere ...

70 parole per 70 Anni
È iniziato il cammino. Settanta parole per settanta anni ha preso il via. Nella splendida cornice
dell’Istituto Patristico Agostiniano, a due passi da piazza San Pietro, si sono svolti i lavori del primo
incontro dedicato al tema dell’ accogliere.
I PARTECIPANTI
Erano presenti 134 persone provenienti dai comitati di Altamura, Ascoli Piceno, Avellino, Bari,
Pagina 1 di 4
09/03/2015Basilicata, Benevento, Bologna, Brescia, Calabria, Campania, Carpi, Caserta, Catania, Cesena, Chieti,
Crema, Cremona, Cremona, Emilia Romagna, Foggia, Friuli, La Spezia, L'Aquila, Latina, Lazio, Liguria,
Lodi, Lombardia, Marche, Matera, Milano, Modena, Napoli, Padova, Pavia, Perugia, Piemonte, Pisa,
Pistoia, Prato, Puglia, Reggio Calabria, Reggio Emilia , Roma, Rovigo, Salerno, Sardegna, Sicilia,
Teramo, Toscana, Trento, Umbria, Veneto.
LE RELAZIONI
Molto belle ed avvincenti le relazioni di don Alessio Albertini e di Caterina Gozzoli (docente di psicologia
del conflitto e della convivenza socio-organizzativa alla Cattolica di Milano). Di grande interesse gli
interventi di Roberto Brunamonti e Giuseppe Bosetti nel corso della tavola rotonda “Nativi digitali…
possibili sportivi” : e dei direttori di area Michele Marchetti e Renato Picciolo, che ha presentato la
campagna per la promozione dell’attività sportiva giovanile. Ad aprire i lavori il presidente nazionale
Massimo Achini ed a chiuderli il vicepresidente nazionale Vittorio Bosio.
I LAVORI DI GRUPPO
Nella due giorni capitolina, oltre ai momenti plenari ci sono stati 4 gruppi di lavoro.
Questi gli approfondimenti tenutisi venerdì sera:
1. “Costruiamo il vocabolario dell’accoglienza nelle società sportive”
2. “Incontro Direttori Tecnici Regionali” a cura della Direzione Tecnica Nazionale Csi
3. “Siete tutti dottori!” a cura dell’area Marketing
4. Sport & Go
Questi gli approfondimenti tenutisi sabato:
1. “Vincere o perdere … Intanto giochiamo!” a cura dell’area Welfare (si è parlato di Erasmus + Sport,
Policy Infanzia e Adolescenza e Progettazione).
2. “Incontro DTR e Commissioni Nazionali”
3. “Marketing su misura” a cura dell’area Marketing
4. Sport&Go
LA SANTA MESSA SULLA TOMBA DI SAN GIOVANNI PAOLO II
A presiedere la Santa Messa celebrata sabato al mattino nella cappella della tomba di San Giovanni
Paolo II è stato il Cardinale Angelo Comastri, vicario generale di Sua Santità. Il cardinale nell’ omelia ha
ricordato tanti aneddoti della vita di Giovanni Paolo II. Il cardinale Comastri ha speso parole di grande
ammirazione per l’impegno educativo del Csi.
I lavori della Presidenza
La Presidenza nazionale si è riunita sabato a Roma dalle 11.30 alle 17. Si è fatto il punto sulle varie
attività in corso. Si è verificato il bilancio consuntivo 2014. Si è ragionato sui "ritmi e tempi" dello Statuto
da proporre al prossimo Consiglio nazionale. Si sono discusse varie tematiche di attività sportiva . Si è
ragionato su un nuovo sistema di monitoraggio dello stato di salute dei comitati. Si è fatto il punto sulla
politica sportiva.
A Milano la presentazione di Gazzetta Cup
Siamo giunti alla settima edizione di Gazzetta Cup. Si tratta del torneo giovanile più grande d’Italia che
prevede la partecipazione di oltre 40mila ragazzi nelle tappe di Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como,
Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Un torneo così sino a pochi anni fa
sembrava follia. Oggi rischia di essere considerato una "normalità". Di fronte ad iniziative come queste
non possiamo non trovare il gusto di "stupirci" e di restare affascinati da quello che siamo riusciti a
realizzare (il merito è tutto dei comitati e di tutta l’Associazione). Alla serata di presentazione ufficiale
che si svolge a Milano presso la sede della Gazzetta sarà presente il direttore della Gazzetta dello sport
Andrea Monti ed alcuni giocatori di serie A oltre a 100 ragazzi di società sportive Csi.
A Roma al via la Clericus Cup
"Giochiamo in attacco la partita del Vangelo” è scritto quest’anno sulle maglie di ciascun seminarista o
sacerdote in campo nella Clericus Cup, il Mondiale di calcio della Chiesa, promosso dal Centro Sportivo
Italiano, con il patrocinio dell’Ufficio Nazionale del tempo libero, turismo e sport della Cei, del Pontificio
Consiglio per i Laici e del Pontificio Consiglio della Cultura del Vaticano. E dopo la prima giornata c’è chi
ha preso davvero alla lettera la tattica indicata da Papa Francesco al Csi. Nessun pareggio, hanno vinto
tutte le teste di serie, trentuno gol realizzati, al di là dei tanti gol, anche molte preghiere. Quella più
intensa quella del portiere del Pio Brasiliano, l’ ucraino don Petro Protsiv, che dal centrocampo
dell’Oratorio San Pietro, ha invocato a gran voce una pace stabile nel suo paese, così come per tutti gli
altri paesi in guerra.
A Roma la Giunta del Coni
Si riunirà martedì a Roma la Giunta nazionale del Coni. La seduta si svolgerà presso la sede del Cip.
A Roma il coordinamento degli Eps
Martedì a Roma riunione del coordinamento degli enti di promozione sportiva. Si seguirà il lavoro di
perfezionamento dell’introduzione del nuovo regolamento Eps e si discuterà di varie tematiche .
A Roma i Lavori del Consiglio Nazionale
È convocato a Roma per sabato e domenica il Consiglio nazionale con il seguente ordine del giorno:
1. Comunicazioni del Presidente Nazionale
2. Politica sportiva
3. Bilancio consuntivo 2014
4. Statuto: aggiornamenti
5. Attività sportiva: aggiornamenti
6. Territorio: aggiornamenti
7. Varie ed eventuali.
A Roma la Nazionale Amputati
La Nazionale Amputati sarà a Roma nel week end per un duplice impegno. Riceverà sabato il saluto ed
il plauso del Consiglio nazionale del Csi, dopo l’ottima esperienza vissuta al Mondiale di calcio in
Messico e per il doppio allenamento in vista dei prossimi appuntamenti internazionali. Due novità fra i
convocati: un portiere veronese ed un centrocampista romano. Agli ordini dei due tecnici Paolo Zarzana
e Renzo Vergnani saranno due le sedute di allenamento, una al sabato pomeriggio e l’altra la domenica
mattina.
17 nuovi volontari internazionali
Si sono riuniti a Milano altri 17 giovani (oltre a quelli partiti lo scorso anno) che questa estate vogliono
partire per esperienze di volontariato sportivo internazionale. Altre richieste sono giunte da tutta Italia ed
Pagina 3 di 4
09/03/2015in particolare dai comitati di Livorno, Bari, Catania, Conversano, Lamezia Terme, Torino, Roma,
Cagliari, Chieti, Brescia, Messina, Savona, Livorno e Carpi. Chiediamo a tutti di lanciare questa
proposta ai giovani del proprio comitato.

CSI Time 2 Febbraio

Un successo la 24 Ore di idee per lo sport
"Abbiamo trasformato una follia ...in una storia che sarà difficile dimenticare".
Così il presidente di una società sportiva ha commentato la 24 ore di idee per lo sport che si è
conclusa a Cernusco sul Naviglio domenica a mezzogiorno. Tutto è andato decisamente oltre
le previsioni.
Un weeekend con il Csial Centro dello Sport Italiano
Sapevamo che era una sfida grande e impegnativa. L’abbiamo vinta. Il Csi ha davvero
convocato in oratorio tutto lo sport italiano per riflettere sulle valenze educative dello sport. Lo
ha fatto con lo stile del Csi: abbiamo avuto il coraggio di inventarci un’idea nuova, diversa da
tutti i convegni o le tavole rotonde, nella quale toccare con mano l’autorevolezza che il Csi ha
oggi nel panorama sportivo ed educativo del Paese. É un successo di tutti. La nostra
autorevolezza deve riempire d’orgoglio ogni presidente e dirigente di società sportiva e di
comitato. Abbiamo acceso i riflettori sull’impegno educativo del Csi e delle nostre società
sportive. Lo abbiamo fatto dicendo con chiarezza al mondo che non vogliamo chiuderci nelle
nostre comodità ma vogliamo dialogare con tutti per costruire insieme uno sport più bello e più
vero. Ora sentiamo la responsabilità di mettere a frutto quanto è emerso nella 24 ore.
Idee
Sono state raccolte più di 100 idee videoregistrate che rappresentano un patrimonio per il Csi
e per tutto lo sport italiano. Per vedere le idee basta andare sul sito nazionale e cliccare sul
banner della notizia focus “la 24 ore minuto per minuto
Le idee segnalate dalla Giuria
Per tutte le 24 ore ha lavorato una Giuria - presieduta dal generale Gianni Gola e composta
da giovani - che ha segnalato le idee più significative in base a queste categorie:
Idea più coraggiosa
Idea che genera posti di lavoro nello sport
Idea più nuova
Idea che favorisce l’integrazione
Idea che abbatte la sedentarietà
Idea più internazionale
Idea per le società sportive
Idea per l'attività giovanile
Idea per l'educazione
Idea più forte per i deboli
Giovani
Più di 150 giovani hanno vissuto la 24 ore (divisi in gruppi da 25 con colori diversi). Hanno
fatto domande ai campioni, elaborato idee, presentandole dal palco, collaborato ai social, fatto
parte della macchina organizzativa, fatto parte della Giuria. Tutti i giovani hanno ruotato nei
vari ruoli vivendo questa esperienza da protagonisti.
Società Sportive di Base
Non si è mai fermato nemmeno il tavolo delle società sportive di base. Si sono alternati
presidenti di società sportive di base (per un totale di 16 ore) discutendo tra di loro ed
elaborando idee.
I complimenti di tanti
Alla 24 ore è passato davvero quasi tutto il mondo dello sport. Tutti ci hanno fatto i
complimenti per un’idea così folle ma anche così bella ed avvincente. Tantissimi hanno
riconosciuto che oggi, il Csi rappresenta un punto di riferimento per lo sport, per la Chiesa e
per la società italiana.
Sport ed Oratorio
Tra i tantissimi argomenti affrontati da ricordare quello su "sport in oratorio" condotto
magistralmente dal nostro consulente don Alessio e con la partecipazione di don Michele
Falabretti (direttore Ufficio pastorale giovanile CEI), don Riccardo Pascolini (presidente Forum
oratori italiani), Matteo Trufelli (presidente Azione Cattolica) don Samuele Marelli (direttore
FOM) e con Mons. Mario Lusek (direttore ufficio sport e turismo CEI ), che ci ha inviato un
video messaggio alla platea.
Le Testimonianze
Tantissime le testimonianze difficili da dimenticare. Tra queste Giusy Versace, Cecilia
Camellini, la Nazionale amputati di calcio Csi, Special Olympics, Luca Galimberti (ha scalato
Monte Rosa in sedia a rotelle), Filippo Carossino (giocatore basket in carrozzina), Fabio
Merlino (giocatore welchair hockey), il baskin di Cremona, il collegamento via Skipe con Haiti
e con gli allenatori haitiani del Csi, la testimonianza di fra Giansandro dell’opera San
Francesco, giovani che sono andati all’estero a lavorare nello sport (Matteo, 22 anni, che ha
lavorato con la nazionale cinese di marcia). E tante altre...
La Nazionale Amputati Csi
Amichevole in oratorio (sabato) e allenamento in oratorio (domenic ) per la Nazionale
Amputati di calcio Csi. Tutto esaurito in entrambe le occasioni a testimonianza dell’entusiasmo
che la nostra Nazionale trascina sempre con sé.
I Campioni in palestra con i ragazzi
Scesi dal palco Igor Cassina, Manu Benelli, Emiliano Mondonico, ed altri sono stati
accompagnati nella palestra (o sul campo) dell’oratorio, dove hanno allenato e giocato con
squadre di bambini del Csi. Bello vedere i campioni così vicini ai ragazzi.
Le Istituzioni molto vicine
Rispetto al programma, le uniche assenze sono state quelle di Fassino, Delrio, Letta e
Maroni, tutte dovute alla contemporanea votazione per l’elezione del Presidente della
Pagina 2 di 5
02/02/2015Repubblica e che, di conseguenza, tutti erano impegnati a Roma (tranne Fassino che aveva
però importanti riunioni a Torino). Tutti hanno telefonato personalmente facendo i complimenti
per l’iniziativa e scusandosi per l’assenza. "Questa è davvero una idea geniale - ci ha detto il
sottosegretario alla Presidenza del consiglio dei ministri Graziano Delrio - Me la sono persa
solo perché non potevo rinunciare agli impegni che avevo sabato perché altrimenti avrei
partecipato ad ogni costo. Voglio fare i complimenti al Csi perché per mettere in piedi cose
come questa ci vuole davvero coraggio".
La Notte
Riuscitissima anche la notte. Allo spettacolo di Andrea Zorzi “il pallavolista volante”, passate
le ore 24 c’erano 430 persone. La 24 ore non si è mai fermata nemmeno per un minuto.
Don Bosco
Alle 2.30 di notte spettacolo su Don Bosco. "Lancia il sasso, lascia il segno" . Questo il titolo
dello spettacolo che aveva come sottotitolo Don bosco capitano dell’educare alla vita i ragazzi.
Bello lo spettacolo e bella la discussione che ne è seguita.
La Maratona sui tapis roulant
Riuscitissima anche la prima maratona su tapis roulant con 24 ore no stop di corsa per
abbracciare tutti i paesi del mondo (1 km = 1 paese). Siamo riusciti a fare il Giro del mondo.
Sul tapis roulant hanno corso tutti gli ospiti, ed i giovani delle società sportive.
Più di 1500 dirigenti presenti
Nella 24 ore si sono alternati più di 1500 dirigenti di società sportive di base: un numero che
si commenta da solo.
La Santa Messa delle 8 del Mattino
Chiesa gremita alla Santa Messa delle 8 di domenica mattina. Celebrazione presieduta da
don Alessio, con la presenza di tutta la comunità di Cernusco sul Naviglio .
Tanti dirigenti da tutta Italia
Sono stati in molti da varie parti d’Italia a fare un salto alla 24 ore di idee. Grazie a ciascuno di
coloro che hanno fatto chilometri pur di vivere una parte di questa folle avventura.
Aso Cernusco
Un ringraziamento all’Aso Cernusco ed a tutta la comunità dell’oratorio Saccer. Don David e
Alessandro Raimondi hanno "capitanato" al meglio gli oltre 80 volontari dell’oratorio che si
sono impegnati "giorno e notte" dividendosi tra turni di cucina, servizi, parcheggio, navette e
tanto altro ancora.
Csi Milano
Un grazie particolare al comitato di Milano che ha creduto fortemente in questa iniziativa,
coinvolgendo giovani delle società sportive, presidenti delle Asd e tanti giovani del comitato
che hanno gestito la macchina organizzativa dell’evento insieme ai volontari nazionali,
capitanati da Maurizio Caterina. Un grazie particolare al presidente Giuseppe Valori, al
segretario Fabio Pini ed a tutto il consiglio provinciale di Milano per la passione che ha
dimostrato.
La Presidenza Nazionale
La Presidenza nazionale si è riunita a Milano sabato mattina durante la 24 ore di idee,
vivendo così in prima persona questa straordinaria esperienza. Un grazie a tutti gli amici della
Pagina 3 di 5
02/02/2015Presidenza nazionale che hanno creduto e sostenuto questa follia con lungimiranza e
coraggio.
A Roma martedì
Martedì sarò a Roma con don Alessio per una serie di incontri istituzionali
In Albania da giovedì a domenica
Da giovedì a domenica sarò in Albania insieme a Daniele Tassi e Davide Iacchetti per la conferenza
organizzativa del Csi albanese
Doas: ultimi giorni per i campionati nazionali
Il 15 febbraio prossimo scade il termine per caricare i campionati provinciali all'interno della piattaforma
Das. La registrazione di campionati è la condizione necessaria per l'ammissione alle fasi successive
delle finali nazionali.
Libera lo sport verso la giornata della memoria
Michele Marchetti ha incontrato il referente di Libera per lo sport, condividendo un percorso di
avvicinamento alla celebrazione della Giornata della memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime
innocenti delle mafie , che quest'anno si celebrerà, sempre il 21 marzo, a Bologna, intitolata "La verità
illumina la giustizia". In particolare, una specifica collaborazione verterà sull'organizzazione, da parte
degli enti di promozione sportiva aderenti a Libera, di un convegno che vuole smuovere le coscienze
degli sportivi e delle sportive sulle strutture di peccato che affliggono l'esperienza sportiva. Al contempo,
il presidente del Csi Emilia Romagna, Lamberto Menozzi, sta lavorando al tavolo di coordinamento
regionale dello sport, insieme al Coni ed altri Enti, per una presenza significativa del Csi verso il 21
marzo. Una particolare attenzione, invece, sarà attivata dal CSI Bologna, con il presidente Andrea De
David, che realizzerà uno dei “100 passi” verso la giornata della memoria, dedicando una
manifestazione sportiva giovanile.
Policy infanzia e adolescenza nello sport:
al via la prima fase
In questi giorni, l'Area welfare sta dando il via alla prima fase sperimentale di applicazione di una policy
CSI per l'infanzia e l'adolescenza nello sport. I comitati di Ascoli Piceno, Bergamo, Bologna, Brescia,
Foggia, Modena, Perugia, Pisa e il Csi Umbria, hanno aderito per verificare le opportunità e i limiti di
applicazione delle procedure previste, elaborate seguendo gli standard europei, ma che la presidenza
nazionale vuole rendere effettivamente praticabili e efficaci nella tutela dei minori. Con i primi comitati,
che ringraziano per la disponibilità e la sensibilità, si procederà ad un lavoro di analisi che consentirà sia
Pagina 4 di 5
02/02/2015di procedere con i necessari adattamenti delle procedure alle nostre realtà, sia di certificare i territorio
virtuosi.

CSI Time 22 Dicembre

Il Vangelo porta con se il volersi bene ed il fare Comunità

Il Papa, incontrando il Coni, ha iniziato il suo discorso dicendo che "lo Sport è di casa nella chiesa".

Per noi quelle parole valgono doppio.

Noi non siamo solo “di casa nella chiesa”. Noi siamo e vogliamo essere Chiesa!

Questa è la nostra identità. Questa è la nostra storia. Questa è la grande responsabilità che ci viene affidata ogni giorno.

Non dobbiamo "dire a parole" o "raccontare" che siamo al servizio della Chiesa attraverso lo sport. Dobbiamo - come sappiamo fare – vivere ciò e testimoniarlo.

Per certi aspetti meno lo ribadiamo meglio è.

Perché il nostro essere "Chiesa" si deve vedere dalle cose che facciamo, da come ci comportiamo, dal nostro modo di vivere con gioia e con il sorriso il Vangelo attraverso un pallone.

Non ci basta credere nei valori dello sport. Nei valori (dello sport e della vita) ci credono in tanti.

Una delle vere sfide - per vivere il Vangelo - è quella di riuscire a vivere in comunione con gli altri. Fare ed essere comunità alla luce dell’esempio di Gesù. Benedire (cioè dire bene) degli altri, dei fratelli, di chi ci è vicino e simpatico, ma anche di chi ci è lontano e antipatico.

Questo rende il Csi vero e affascinante per gli altri. In un tempo frammentato come quello di oggi, in una società dove dilagano solitudini, individualismo e mediocrità delle relazioni, questa nostra capacità di "trasformare" la nostra associazione (a tutti i livelli) in un’ esperienza del Vangelo dove l’ incontro e la relazione con l’altro diventa e rimane sempre la cosa più bella ed importante .

Ecco allora che in questi giorni che precedono il Santo Natale dobbiamo lasciarci interrogare  - senza retorica - e con serenità e lucidità sulla nostra capacità di essere un’ associazione che accoglie sino in fondo nella sua vita quotidiana la proposta del Vangelo. Dobbiamo interrogarci sulla nostra capacità di costruire sempre - dentro il Csi - relazioni vere, libere, sincere, profonde ... con tutti e con ciascuno. Dobbiamo lasciarci interrogare sulla nostra capacità di sentirci davvero fratelli che vivono insieme - attraverso lo sport – l’esperienza di testimoniare il Vangelo nelle loro azioni di vita quotidiana associativa . Ovviamente con tutti i nostri limiti, i nostri difetti, le nostre mancanze ... ma con la tensione bella e forte a fare del CSI una realtà di "incontro e relazione" tra persone capaci di accogliersi e di "fare a gara nella stima reciproca".

Durante i giorni del Santo Natale affidiamo a ciascuno di voi il compito di pregare anche per il Csi. Di pregare perché la nostra associazione sappia davvero essere se stessa e sappia produrre ogni giorno bene educativo per la Chiesa, per lo Sport, per i Giovani, per la Società.

In questi giorni ringraziamo anche il Signore per il dono che ci ha fatto facendo in modo che la nostra vita sia stata segnata dall’incontro con il CSI e affidiamo a Lui la nostra voglia di essere sempre costruttori di relazioni belle e vere tra le persone.

Auguri a tutti ed auguri a te, caro CSI, che pur avendo 70 anni sulle spalle hai la freschezza e la vitalità di un bambino!

 

 Il Coni dal Papa
Venerdì scorso il Papa ha incontrato il mondo del Coni. Dopo la Santa Messa presieduta dal cardinale Ravasi e celebrata in San Pietro il Papa è "sceso" in Basilica per salutare il mondo dello sport.

In allegato trovate il discorso pronunciato da Papa Francesco. Non nascondiamo la gioia "doppia" per l’incontro del Papa con il Coni in occasione dei 100 anni del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. L’impressione che, a far da volano a questo incontro (presenti circa 5 mila persone), sia stato il 7 giugno è molto più che una semplice sensazione.

Il Papa, come sempre, ha detto parole importanti e per nulla scontate in ambito sportivo.

Ha iniziato il suo discorso dicendo "Lo sport è di casa nella chiesa". Affermazione questa che ben conosciamo e che apre il cuore alla speranza se pronunciata direttamente da Papa Francesco.

In soli 6 mesi (grazie alle fortunate ricorrenze dei 70 anni del Csi e dei 100 anni del Coni) il Santo Padre ha dedicato allo sport due momenti importanti (7 giugno e 19 dicembre). Non accadeva da anni e questo ci fa sentire tutta la responsabilità, che abbiamo per vivere in pienezza la fiducia e l’attenzione che Francesco riserva allo sport.

Non possiamo non cogliere anche un segno che va letto con attenzione:  Senza fare paragoni, ribadendo che siamo contentissimi per l’incontro del Pontefice con il mondo del Coni, dobbiamo però anche leggere il fatto che in questa occasione (davanti alle più grandi autorità e atleti dello sport)  il Papa si è intrattenuto con il mondo dello sport per circa 15 minuti.

Questo spiega al meglio la dimensione di quello che è accaduto il 7 giugno. Lo diciamo non per fare paragoni ma per comprendere sino in fondo quello che ci è stato permesso di fare in occasione dei 70 anni del Csi e per comprendere la fiducia "immensa" che la Chiesa ha oggi nei confronti della nostra Associazione.

 

Al Consiglio del Coni si è discusso del rapporto tra Enti e Federazioni

Bisogna comprendere bene come funziona il Consiglio nazionale del Coni. Si riunisce ogni 3 mesi circa. La seduta dura in genere un paio d’ore e all’ordine del giorno vanno i temi più grandi e urgenti dello sport italiano: dalle Olimpiadi ai problemi del calcio; dal finanziamento dello Stato alle normative legislative sullo sport.

Bene; nella seduta di giovedì scorso il tempo maggiore è stato dedicato al tema del rapporto tra Federazioni ed Enti di promozione sportiva.

Su questo tema sono intervenuti il Csi, la Uisp (con il presidente Manco), il presidente della Fidal (Giomi), il presidente della Fip (Petrucci) ed altri ancora.

Alla fine si è deciso di dare vita ad una commissione ristretta (della quale faremo parte ) per rivedere il Rapporto Federazioni / Enti di promozione sportiva alla luce di una nuova alleanza per sviluppare insieme la promozione sportiva nel Paese.

Non sappiamo che risultati darà questa commissione. Sappiamo però che aver portato il rapporto Federazioni / Enti all’attenzione dell’agenda del Consiglio nazionale del Coni è un successo. Se aggiungiamo il nuovo Regolamento degli Enti ( che adesso deve essere approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ) si capisce che stiamo con fatica e pazienza incidendo nel sistema sportivo italiano. Un lavoro lungo, difficile, impegnativo, ma estremamente importante.

 

Ad Ancona convegno su Sport e Alimentazione
Sabato scorso si è svolto ad Ancona, promosso dal Csi Marche un importante convegno sul tema sport ed alimentazione alla luce dell’ avvicinarsi di Expo 2015.

Tra i relatori don Mario Lusek (direttore ufficio sport CEI), Fabio Sturani (Membro Giunta Coni) e Edio Costantini.

Il tema dello sport come occasione preziosa per affermare i corretti stili di vita nella società del nostro tempo è un tema di grandissima attualità .

 

A Chieti 1200 persone al Natale degli Sportivi con Bruno Forte

A Chieti Sua Eccellenza Mons. Bruno Forte ha convocato il mondo dello sport per il Natale degli sportivi. Più di 1200 le persone presenti. Cogliamo l’occasione per ringraziare ancora Padre Bruno per la sua presenza ad Assisi. Così come cogliamo l’occasione per ringraziare i tanti comitati che hanno organizzato il Natale degli sportivi come momento di incontro e di festa di tutto il mondo dello sport.

 

A Reggio Emilia la Festa del Comitato

Grande successo per la festa  del Centro Sportivo di Reggio Emilia celebrata nella Sala conferenze del Don Bosco gremita da circa 200 persone, alla presenza di tanti campioni del mondo dello sport di oggi e di ieri. Il pomeriggio di sabato è iniziato con l'intervento del presidente Davide Morstofolini, premiato nel corso dell’evento con il Discobolo d’oro Csi, che ha sottolineato l'importanza di questa stagione nella quale il Csi reggiano ha raggiunto il record storico di 48188 iscritti dei quali 22 mila sono ragazzi giovani sotto i 18 anni.

Assieme al vice presidente nazionale Vittorio Bosio in sala erano anche presenti il campione olimpico Stefano Baldini, che ha premiato il suo ex allenatore e il professor Luciano Gigliotti, il professor Paolo Giglioli, l’onorevole Pierluigi Castagnetti e tanti esponenti dello sport reggiano di oggi e di ieri, come l'ex campione di atletica Cellario, il presidente provinciale del Coni Doriano Corghi, il presidente "emerito" del Coni William Reverberi, l'attuale giocatore della Pallacanestro Reggiana Rimantas Kaukenas, il collaboratore tecnico di Alberto Colombo Paolo Zanetti, ex mediano della Reggiana, accompagnato dal team manager granata Stefano Buffagni, e molti altri ancora.

 

A Roma l’incontro degli Uffici della Presidenza Nazionale
Venerdì scorso a Roma Santa Messa e cena di condivisione per tutti i dipendenti e i collaboratori della Presidenza nazionale. É stata l’occasione per ringraziare tutti quelli che lavorano in Via della Conciliazione,1,  al servizio di tutta l’Associazione.

Vogliamo estendere il ringraziamento a tutti  quelli che operano nei comitati sul territorio. A ciascuno, ma proprio ciascuno, giunga il grazie più sincero e vero della Presidenza nazionale.

 

Al lavoro per la 24 Ore di idee per lo Sport
Durante le vacanze di Natale continueremo a lavorare alla prima edizione della 24 ore di idee per lo sport.

I problemi da affrontare sono tanti e questa prima edizione sarà decisamente sperimentale. Però l’idea piace e trova consenso dentro e fuori dal mondo dello sport. Continuano ad arrivare conferme di ospiti che saranno con noi.

Ricordiamo anche che alle ore 24 di sabato 31 gennaio (durante la 24h no stop) Andrea Zorzi porterà in scena lo spettacolo "il pallavolista volante". Lo spettacolo è gratuito, ma occorre confermare la presenza (entro il 15 gennaio) scaricando il modulo che si trova sul sito del Csi Milano.

Chiusura degli Uffici della Presidenza nazionale
Gli uffici della Presidenza nazionale chiuderanno dal 22 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015. Riapertura mercoledì 7 gennaio.


Stampato il libro con gli sms al Papa del 7 giugno

E’ stata stampata e sarà spedita ai comitati alla riapertura del 7 gennaio una pubblicazione , che contiene gli sms più belli mandati dalle società sportive al Papa per l incontro del 7 giugno. Si tratta di un libro molto bello, che vi invitiamo a conservare in comitato. Stiamo lavorando anche ad un libro fotografico della giornata del 7 giugno che sarà pronto quanto prima e che verrà poi inviato ai comitati.

Strumenti preziosi per fare "storia e memoria" di quella giornata indimenticabile.

La brochure del Marketing
Nei giorni scorsi è stata inviata a tutta l’Associazione la nuova brochure dedicata al marketing associativo. Frutto del lavoro dell’area marketing, coordinata da Stefano Gobbi, la nuova brochure è uno strumento prezioso per tutti i comitati che possono - se ritengono - anche personalizzarla inserendo pagine locali.

CSI Time 1 Dicembre

La Formazione a servizio del territorio
Da sempre la Formazione è al centro delle attenzioni e delle priorità dell’Associazione. Quali
sono gli impegni che abbiamo preso per il quadriennio 2012/2016? Quali le priorità del nostro
universo formativo? Le proposte del programma del quadriennio erano chiare e precise.
Formazione permanente della classe dirigente Csi
Gli stage regionali sono andati molto bene. Dopo il primo anno sul “coordinare” ed il secondo
anno sul “comunicare” il 2015 concluderà il triennio di formazione della classe dirigente sul
tema “coinvolgere”. I presidenti regionali ad Assisi sceglieranno le date degli stage del 2015 e
siamo convinti che raggiungeremo il record di partecipazione. Chi infatti ha frequentato questi
appuntamenti può testimoniare quanto siano utili ed in allegato riportiamo i dati sul gradimento
degli stage svolti finora. Per il 2015 chiediamo ad ogni regione di vivere lo stage come
occasione "unica" di formazione strategica dei propri dirigenti. Realizzare queste iniziative ha
comportato uno sforzo immenso ma ne è valsa la pena.
Formazione a catalogo
La Presidenza nazionale si fa vicina al territorio con una ricca serie di proposte formative che
ogni comitato può prenotare a costi bassissimi se non addirittura gratuitamente in caso si
trattasse del primo appuntamento. Ciascuno può infatti scegliere da un menù ricco e prezioso
ciò che interessa e gli è più necessario. L’offerta è stata ampliata quest’anno con nuove
proposte interessantissime, che non sono solo stage o giornate, ma anche interi week end
(sul sito nazionale alla voce formazione maggiori dettagli). Approfittatene prenotando questi
appuntamenti.
Ceaf
Superate le difficoltà di Skynet è nato il CEAF (certificazione on line attività formativa). Ogni
comitato deve inserire tutti i corsi che realizza e presto sarà possibile vedere in chiaro le
attività formative svolte da ciascun comitato. Una trasparenza importante per verificare la vera
tensione formativa dell’Associazione. Non solo. Questi dati sono fondamentali per
rendicontare al Coni il volume delle attività formative e perciò l’inserimento di ogni iniziativa
formativa diventa un dovere (anche se faticoso) per ogni comitato, altrimenti non riusciremo a
dimostrare quello che realizziamo sul territorio. Il CEAF è moderno e incisivo e dopo un’
inevitabile fase di rodaggio costituita una vera svolta nella dimensione formativa del Csi.
Uniformità dei corsi: la sfida di PerCorsi
Vorremmo arrivare a definire le linee guida dei corsi per allenatori, arbitri, dirigenti, animatori
dell’Associazione. In teoria tutto questo esiste già e si chiama PerCorsi. PerCorsi non è però
entrato nella vita reale e concreta dei comitati. Il "fai da te" regna ancora e spesso in ogni
comitato che costruisce un corso a seconda delle proprie esigenze (numero delle ore, materie
Pagina 1 di 4
01/12/2014didattiche, modalità esami, ecc). Questa "autonomia" non aumenta la forza dell’Associazione.
Un conto è una necessaria e opportuna elasticità, un conto una sorta di anarchia dove ognuno
fa quello che vuole. Stiamo lavorando per arrivare a rendere più uniformi i corsi di base per
ciascuna figura associativa.
Nasce la newsletter della Formazione
Questa settimana nasce la Newsletter dell’Area Formazione. Servirà a tenere informata tutta
la base associativa sulle proposte, gli appuntamenti, le iniziative, le attività della formazione in
modo che ciascun comitato possa essere sempre aggiornato e cogliere le occasioni che
ritiene più interessanti. La newsletter sarà elaborata dal team della formazione. Questo
prezioso strumento "accorcia" le distanze tra centro e periferia in materia di formazione .
Messico-Italia 0-2
Vittoria all'esordio nel Mondiale Amputati
In Messico siamo partiti col “piede” giusto. Favoloso esordio per gli azzurri con le stampelle nel
mondiale messicano di calcio amputati. Con i gol di Gianni Sasso ed Emanuele Padoan, entrambi nel
secondo tempo, l’Italia ha vinto 2-0 contro il Messico a Culiacan nella prima gara del Mondiale. Su sito
Csi e sui social seguite le emozioni mondiali della nostra Nazionale.
“Grande, immensa soddisfazione – afferma a fine gara il ct Renzo Vergnani – siamo stati molto
equilibrati, giocando con la testa. Ora andiamo partita per partita”.
“Intensità, grinta, e cuore – gli fa eco il secondo allenatore Paolo Zarzana – a un esordio migliore non
potevamo pensare”.
“Ero tesissimo prima del match – parla il capitano Francesco Messori” ma con il coraggio e la fiducia
siamo riusciti a vincere. Sognavo un esordio così, ma non pensavo si potesse realizzare”.
“Un bel regalo di compleanno – dice il portiere Daniel Priami – Siamo in testa alla classifica e
intendiamo restarci. Ringrazio tutti ma in particolare la difesa azzurra, i miei compagni di reparto sono
stati straordinari”.
In ultimo l’autore del gol, Gianni Sasso: “Inizialmente eravamo tutti un po’ emozionati. Coi minuti
abbiamo preso confidenza. Ho avuto diverse palle gol e forse avremmo potuto soffrire di meno nel finale
ma va bene così. Primo gol azzurro in un Mondiale e grande vittoria. Oggi bravissimi Re Artù e Stefano
in difesa”.
Vi aspettiamo ad Assisi
Tutto pronto per Assisi. Vi aspettiamo venerdì prossimo per vivere insieme il tradizionale appuntamento
che coinvolge tutta l’Associazione. Quest’anno saranno presenti 75 comitati e 450 partecipanti.
Ricordiamo i momenti più significativi: venerdì sera rivivremo insieme il Settantennio e il 7 giugno.
Sabato mattina la relazione di S.E. Mons. Bruno Forte. Sabato pomeriggio la visita nei luoghi di
Francesco e la Santa Messa. Domenica mattina la relazione dell’Associazione. Ma ad Assisi ogni
minuto è unico e decisivo. Spiritualità, intensità, cultura, amicizia, fraternità, festa, incontro... Assisi è
tutto questo e molto e molto di più. Quest'anno protagonista del nostro incontro ad Assisi sarà San
Francesco e la sua storia – approfondisce Don Alessio Albertini - Vogliamo ripercorrere la sua
esperienza a partire dall'incontro con il crocifisso di San Damiano e il suo invito a riparare "la casa in
rovina". Percorreremo le strade e i santuari che ricordano il suo passaggio fino a raggiungere la grande
Basilica che custodisce le sue spoglie. Assisi è un appuntamento che da tanti anni si rinnova per la
nostra associazione e in questo anno che ricorda i 70 anni dalla sua nascita, vuole ritrovare, anche
grazie a Francesco, la gioia del Vangelo come forza ispiratrice della sua missione. Vivremo insieme
momenti di riflessione, di pellegrinaggio, e rivivremo insieme la festa di Piazza San Pietro del 7 giugno.
Inutile dire che la festa sarà completa con il nostro incontrarci e vivere in amicizia queste giornate."
Pagina 2 di 4
01/12/2014La Tim regala un campo ad un oratorio della Liguria
E sono tre! Grazie alla Junior Tim Cup tre oratori hanno ottenuto, completamente gratis, il rifacimento o
la realizzazione di un campetto di calcio. Siamo partiti da Scampia. L’anno scorso siamo andati in
Sardegna (zona alluvionata). Adesso la novità. In attesa del campo che verrà "regalato" a maggio con la
finale della Junior Tim Cup la TIM ha scelto di "dedicare" i suoi auguri di Natale alla Junior Tim Cup. Si
tratta di auguri natalizi, che vengono spediti in tutti il mondo (anche alle massime autorità istituzionali)
dove si parla della Junior Tim Cup. Questa operazione viene completata con il fatto che per Natale la
TIM ha scelto di regalare un altro campo sportivo ad un oratorio. La scelta è andata su Genova (in
quanto zona alluvionata) e su una parrocchia del quartiere di periferia (San Giuseppe al Lagaccio). Il
campo sarà realizzato completamente entro gennaio 2015. Il valore complessivo dei tre campi realizzati
in oratorio supera i 150 mila euro. Non possiamo fare altro che ringraziare TIM per la sensibilità e per il
fatto di aver ampiamente dimostrato di credere davvero nello sport in oratorio.
A gennaio la "24 ore di idee per lo sport"
Bloccate sulle vostre agende la data del 31 gennaio e del 1 febbraio. A Milano (Oratorio di Cernusco sul
Naviglio) realizzeremo la prima edizione della 24 ore di idee per lo,sport. A breve uscirà il programma.
Una iniziativa nuova e "unica" che vuole raccogliere idee per aiutare lo, sport italiano a dare il meglio di
se stesso. La partecipazione é libera e si tratta di un esperienza molto "singolare e significativa". 24 ore
(notte compresa) di incontri e dibattiti (di 1 ora ciascuno) su tematiche interessanti e con la presenza di
tantissimi ospiti. Ciascuno può partecipare alle sessioni che ritiene più significative. Se potete cercare
nei vostri comitati giovani disposti a vivere tutta la 24 ore .
Ecco i dati della ricerca sui valori sociali dello sport
Mercoledì scorso è stata presentata nel Salone d’onore del Coni la ricerca "Gli Italiani, lo sport e i valori
sociali" realizzata da Studio Ghiretti ed Errepi Comunicazione. Erano presenti Malagò, Pancalli,
Chimenti, Miglietta e molti altri dirigenti dello sport italiano. Il Csi è stato inserito tra i relatori sul tema "lo
sport in oratorio in Italia". Ecco in allegato i dati della ricerca.
Il Csi al Master del Sole 24 dello Sport
C ontinua la proficua collaborazione tra il Csi e la Business School del Sole 24 Ore: anche quest’anno il
Csi è partner della V edizione del Master full-time in Management dello Sport, realizzato a Roma. Il
Master (della durata complessiva di 9 mesi) vedrà anche la partecipazione di dirigenti e personale della
Presidenza Nazionale, in qualità di docenti con lo scopo di presentare la realtà del Csi e i principali
progetti realizzati e in fase di sviluppo. Gli interventi in aula di alcuni dirigenti CSI si iscrivono in un più
ampio progetto formativo e culturale promosso dall’Area Welfare e Promozione Sociale e dall’Area
Marketing del CSI, che puntano alla creazione di una rete accademica e professionale qualificata per
sviluppare sinergie di promozione sociale, welfare e sani stili di vita attraverso lo sport. Domani la
giornata sarà dedicata alla tematica dello “Sport sociale” con l’intervento in aula di Michele Marchetti che
tratterà questioni legate all’indotto sportivo in termini di benessere fisico e sociale.
Pagina 3 di 4
01/12/2014 Da Sky per ragionare insieme
Oggi nuovo incontro con Sky per continuare a ragionare sulla collaborazione tra csi e Sky. Non é facile
trovare il modo di valorizzare sempre più la nostra associazione negli spazi televisivi di Sky ma noi ci
proviamo.

Joomla templates by a4joomla